La Confraternita San Pietro Apostolo di Buto per la prima volta fuori dall’Italia !

 

 

La Confraternita San Pietro Apostolo di Buto ha partecipato con tre dei suoi iscritti (Pietronave Zara, Massucco Clara e Sergio Gabrovec) al “Primo Cammino Internazionale delle Confraternite” che si è tenuto a Lourdes nei giorni 4, 5 e 6 aprile 2008, in occasione del 150° anniversario delle apparizioni della Madonna a Bernadette Soubirous.

Per la sua partecipazione la Confraternita di Buto ha ricevuto un attestato che sarà conservato nella sede presso l’Oratorio della Focetta dedicato alla Madonna del Rosario. Nel documento sono citate le parole del papa Benedetto XVI che ha elogiato le Confraternite che sin dall’origine “si sono distinte per le loro tipiche forme di pietà popolare, mantenendo ben saldi i requisiti dell’evangelicità e dell’ecclesialità, continueranno ad essere scuole popolari di fede vissuta e fucine di santità”. Le Confraternite, soprattutto italiane, spagnole e francesi ma anche svizzere, polacche, statunitensi e australiane, si sono ritrovate a Lourdes per la venerazione che mostrano da sempre nei confronti di Maria.

Il raduno ha avuto come fatto centrale la preghiera ed è culminato nell’accensione di un cero, fuso con cera offerta da molti santuari, a significare l’unione tra le Confraternite di tutto il mondo e la Madonna, e la cui fiamma è il segno della presenza in spirito di tutti i confratelli e la cera che si consuma è il simbolo della penitenza. Circa 20.000 sono state le presenze dei confratelli che hanno partecipato alle varie cerimonie religiose, con numerosi crocifissi antichi portati dalle Confraternite liguri..

La Confraternita di Buto ha raggiunto la località francese posta ai piedi dei Pirenei con un viaggio in pullman organizzato dal nostro parroco don Mario Perinetti, assieme ad altri fedeli provenienti da varie località della Val di Vara.

Già nella notte del 3 aprile ci si è recati nella città religiosa a pregare davanti alla “Grotta” dove la Madonna apparve alla piccola Bernadette e poi, il giorno successivo, alle 10 si è assistito alla Santa Messa di apertura del “Cammino Mondiale delle Confraternite”, tenuta nella chiesa di Santa Bernadette, con funzione celebrata dal vescovo di Tarbes e Lourdes, monsignor J. Perrier. Il nostro

don Perinetti (v. foto) ha pronunciato l’omelia in lingua italiana. Dopo la Messa è stata scattata la fotografia ufficiale davanti alla Basilica dell’Immacolata Concezione (La Confraternita di Buto è collocata in basso a destra della foto).

Nel pomeriggio di venerdì 4 aprile il nostro gruppo ha percorso la Via Crucis sul sentiero che, partendo a sinistra della Basilica, sale su di una collina e con le 15 stazioni formate da gruppi bronzei con scene della Passione e ha poi partecipato alla Processione Eucaristica delle 17,00 e alla successiva Processione notturna “aux flambeaux” con le centinaia di Confraternite e Misericordie europee.

Sabato 5 aprile in mattinata abbiamo effettuato un’escursione alle grotte di Bètharram, sulla

sponda sinistra del fiume Pau a 15 km. da Lourdes, con percorso a piedi nei cinque livelli scavati dal fiume sotterraneo, in mezzo a spettacolari formazioni calcaree e attraversamento di un laghetto con un barcone e con ultimo percorso in trenino. 

 Uno dei momenti più intensi è stato il “Cammino del Giubileo”, formato da quattro tappe e percorso in circa 3 ore, in processione col nostro gruppo, in coda con migliaia di altri pellegrini che hanno usufruito dell’indulgenza plenaria, concessa dal Santo Padre. Al termine di ogni tappa ci è stato consegnato un adesivo che abbiamo applicato al medaglione di cartone che ciascuno di noi portava al collo. La prima tappa, dopo essere passati a fianco della casa ove Bernadette nacque il 7 gennaio 1844, è stata la casa “cachot” dove abitò in miseria nell’unica stanza con la propria famiglia dal 1857, essendo caduto in disgrazia il capo famiglia.

La seconda tappa è stata la Chiesa parrocchiale e il fonte battesimale ove fu battezzata Bernadette. La terza tappa è stata la cappella dell’Ospizio ove la giovinetta frequentò la scuola delle suore e dove cominciò la preparazione alla sua Prima Comunione, celebrata il 3 giugno 1858.  Tutti i pellegrini hanno baciato l’altare della cappella. L’ultima tappa è stata la porta di San Michele, nei pressi della Grotta, dove abbiamo venerato le icone. Alle 21 assieme ad almeno 10.000 confratelli abbiamo assistito alla “Santa Messa del pellegrinaggio” celebrata (nell’enorme Basilica sotterranea San Pio X consacrata nel 1958 dal cardinale Roncalli) da monsignor Armando Brambilla, vescovo ausiliare di Roma e delegato della Conferenza episcopale italiana per le Confraternite ed i sodalizi.

Domenica 6 aprile, alle 9,30, abbiamo partecipato alla “Santa Messa Internazionale” celebrata dal cardinale Carlos Amigo Vallejo, arcivescovo di Siviglia, con la partecipazione di circa 20.000 fedeli. Al termine della Messa il nostro gruppo ha acceso un enorme cero nei pressi della Grotta dove, successivamente, don Perinetti ha recitato assieme a noi il Rosario.

La Madonna apparve alla quattordicenne Bernadette più volte tra l’11 febbraio e il 16 luglio del 1858 alla Grotta di Massabielle, vicino al fiume Gave, dicendole  “io sono l’Immacolata Concezione”.

Dopo le apparizioni, nel 1866 Bernadette entrò nell’ordine delle suore della Carità di Nevers, dove morì a 35 anni.

Fu canonizzata nel 1933 e la sua festa ricorre il 16 aprile.

Nel pomeriggio della domenica, alcuni del nostro gruppo si sono bagnati nelle apposite piscine. Successivamente abbiamo partecipato alla Processione Eucaristica e nella notte alla suggestiva processione “aux flambeaux”.

Dopo questi giorni intensamente spirituali, vissuti in un’atmosfera di mistico raccoglimento, il ritorno in Italia è avvenuto nella giornata di lunedì 7 aprile, ricorrenza del 150° anno dal cosiddetto “miracolo della candela”, quando durante l’apparizione avvenuta il 7 aprile 1858 Bernadette tenne una candela accesa la cui fiamma le avvolse la mano senza bruciarla, con una sosta con visita nella città medioevale fortificata di Carcassonne.

 

 
 
  Buto di Varese Ligure (SP) - Italia                                                                                                         Buto Cultur@